Condividi:
Home page | Pillole di sociale | Pagina corrente: Comunico ergo emoziono, comunicare il sociale
Pillole di sociale

Comunico ergo emoziono, comunicare il sociale

Comunico ergo emoziono, comunicare il socialeIl primo assioma della comunicazione è: "È impossibile non comunicare (Watzlawik, Pragmatica della comunicazione umana)”. Perché prima delle parole, parlano i gesti, i volti, i corpi e i silenzi.

Prima di occuparmi di comunicazione ho lavorato tanti anni con persone disabili e con persone con problemi psichiatrici. E questa esperienza oltre che ampliarmi il cuore, ha ampliato il mio orizzonte comunicativo.

Ho imparato ad osservare sostituendo, a volte, lo sguardo con la parola. Molte delle persone di cui mi occupavo avevano deficit della comunicazione verbale o assenza di comunicazione verbale. E la meta comunicazione era il canale privilegiato con cui entrare in relazione. Decodificare un movimento o l'assenza di movimento, lo sguardo triste o lo sguardo fiero, una stretta di mano o un gesto negato mi ha insegnato che per comunicare è necessario stare in ascolto.

Di se stessi e del nostro interlocutore.

Sono passati alcuni anni da allora, ma quelle esperienze sono diventate parte integrante della mia “valigia degli attrezzi”.

Il mondo del sociale è un mondo fatto di persone. Di attimi, o di anni di vita. Di storie da ascoltare e di storie da raccontare. E raccontare gli altri è un compito di estrema responsabilità.

Viviamo in un'era di sovra comunicazione. Stimolati continuamente da fiumi di parole. Da immagini che scorrono. E talvolta non ci accorgiamo che in questo fiume in piena corriamo il rischio di perdere l'essenza dei contenuti.

Comunicare il sociale è riuscire a trasmettere delle emozioni. Autentiche in quanto legate a persone. Che hanno un nome, una storia, esperienze. E' dare voce a chi non ce l'ha. Cercando di non alterarla.

Dobbiamo avere consapevolezza che stiamo comunicando vite di altri. E la scelta delle parole e delle immagini deve essere attenta ed autentica. Proprio per trasmettere chi siamo noi e chi sono gli altri.

La sintesi è fondamentale: ci impone di essere efficaci attraverso una frase o attraverso un'immagine.

Presto sempre molta attenzione alle immagini, perché esse sono vere. Difficilmente interpretabili. E soprattutto sono filtrate dagli occhi di chi le guarda.

E quanto più siamo attenti a leggere la comunicazione non verbale, tanto più saremo capaci di emozionarci e di emozionare.

Simona Landi - Responsabile Promozione e Comunicazione Seacoop

Anagrafica della Cooperativa
Seacoop Società Coop. Sociale Onlus
Sede logistica:
via Lasie 10/L, 40026 Imola (Bo)
tel. 0542.643543 - 0542.644059 - fax 0542.644015
email: seacoop@seacoop.coop
pec: info.seacoop@legalmail.it
Orari di apertura:
dal lunedì al giovedì 9.00 / 13.00 - 14.00 / 17.00
venerdì 9.00 / 13.00

logo-rina

Cookie Policy - Privacy policy
Accessibilità
Questo sito, interamente gestito con il CMS i-Plug, è accessibile a tutti gli utenti, anche se portatori di handicap, perché il codice che lo sostiene è compatibile con le direttive del W3C che definisce gli standard di sviluppo per il web: XHTML1.0

Crediti
I contenuti di questo sito sono a cura e di proprietà di Seacoop
Progettazione sito: Rizomedia Srl - Realizzazione sito: Punto Triplo Srl